chiesadimilano
chiesadimilano

Santuari Mariani - Diocesi di Milano

TORNA ALL'ELENCO

B. V. del Carmelo
IndirizzoSantuario
ComuneMONTEVECCHIA
ProvinciaLC
Cap23874
RegioneLombardia
StatoItalia
Sitohttp://www.ocarm.org/
Periodo: anno 1400 

In cima al colle di Montevecchia vi si arriva salendo una scalinata di 174 gradini costeggiata da cipressi e intercalata dal sentiero che aggira il colle e sul quale sono poste le stazioni dei seicentesca via Crucis. Nella sacrestia si trova il il ligneo trono della Madonna (XVI secolo). Di grande interesse il dipinto con la decollazione di Bernardino Campi datato 1554, pala dell'altare maggiore. ( Apt Lecco)

foto di Carlo Sirtori

L'origine del culto mariano in Montevecchia risale al XVII secolo. Nel 1640, infatti, venne istituita la confraternita della Beata Vergine del Carmelo che incontrò grande favore presso i fedeli, tanto da oscurare la memoria e il culto legati all'antica chiesa di San Giovanni Decollato, ubicata precedentemente sul luogo dove ora è sito il santuario. Sin dalle sue origini secentesche il santuario fu meta di frequenti pellegrinaggi da parte dei contadini che pregavano la Madonna di vegliare sulle attività agricole e successivamente anche sulla bachicoltura. Posto sul punto più alto della collina di Montevecchia, il santuario domina superbamente tutta la pianura briantea: nelle giornate più limpide è infatti possibile scorgere la città di Milano e gli Appennini.

CENNI STORICI
Al posto dell’attuale santuario sorgeva un tempo la chiesa dedicata a Giovanni Battista, costruita in epoca medievale su un'antica costruzione fortificata di origine romana. Quando nei primi anni del XVII secolo fu costruita più a valle la nuova parrocchiale di San Bernardo, la vecchia chiesa di San Giovanni fu abbattuta e al suo posto fu eretto l'attuale santuario, che tuttavia fu dedicato alla Beata Vergine del Carmelo nel 1924 e consacrato, dopo essere stato ristrutturato, solo nel novembre del 1954.
ARCHITETTURA
Costruito all'inizio del XVII secolo, il santuario presenta una struttura architettonica barocca. Un’ampia e ardita scalinata di 181 gradini conduce all'ingresso, ornato da un elegante e arioso porticato con volte a crociera rette da belle colonne di arenaria. Dall'interno è possibile raggiungere un ampio terrazzo da cui si può ammirare lo straordinario panorama della pianura sottostante. A circa tre quarti della scalinata, parte il percorso della Via Crucis, composta da 16 edicole in arenaria. 

ARTE
Elementi di pregio del santuario sono la statua in legno dorato della Vergine con il Bambino, risalente al ‘600 e il baldacchino cinquecentesco in legno intagliato e dorato, retto da colonnine a spirale sormontate da una corona. Il prezioso olio su tavola raffigurante il Battista e gli affreschi del ‘700 completano la decorazione interna. Altre opere di pregio sono la Via Crucis esterna al santuario, con sculture secentesche ad alto rilievo in pietra arenaria, come pure l’organo installato sopra la porta d’ingresso risalente alla fine del XVIII secolo.

da “Cloister Route - I Monumenti in provincia di Lecco” edito da Provincia di Lecco

 

MONTEVECCHIA -  LA MADONNA DEL CARMELO

Autore: Maria Luisa Sala  dal volume Santuari della Madonna nella Diocesi di Milano

A circa 30 km. da Milano, nel verde della Brianza, sorge in cima ad un colle, visibile già da lontano, il Santuario della Madonna del Carmelo di Montevecchia.

Vi si accede per una strada ripida ma comoda che da Cernusco Lombardone sale tortuosa sui fianchi del colle tra ordinati filari di viti e rigogliosissimi cespugli di rosmarino.

Giunti sulla piazza del Santuario, occorre procedere a piedi per una lunga scalinata. Ma non si avverte la fatica per i gradini tant'è il fascino di un panorama vasto e magnifico: da una parte lo sguardo abbraccia il dolce declivio della Brianza verso la distesa pianeggiante di Milano e dall'altra sale e scende tra le colline e valli chiuse in fondo dal Resegone e dai Corni di Canzo. A metà della scalinata sostiamo davanti a quattordici piccole cappelle poste a girotondo intorno alla cima del colle; raffigurano le stazioni della Via Crucis. Sono sculture seicentesche recentemente restaurate.

E sulla cima sta, solitario, il Santuario della Beata Vergine del Carmelo. E' una costruzione barocca, di modeste proporzioni che risale al XVI secolo e necessiterebbe di qualche restauro. L'interno, costituito da un'unica navata rettangolare sulle cui pareti laterali si aprono piccoli altari, è decorato da affreschi portati alla luce recentemente dopo un lungo e paziente lavoro di raschiatura atto a togliere lo spesso strato di intonaco che li nascondeva.

Gli esperti d'arte concordano nell'attribuire tali delicati affreschi agli scolari di Bernardino Luini, ed è un peccato che la cattiva luce non ne permetta una nitida visione. Anche l'organo del '700 posto sopra la parete di fondo è pregevole.

La statua della Beata Vergine del Carmelo, sull'altare centrale, fu incoronata nel 1951, dopo che 11 Santuario, pur funzionante da secoli come chiesa parrocchiale, fu finalmente consacrato (1945) dal card. Schuster.

Festa annuale: 16 luglio

 

Decanato Merate
Zona pastorale Zona pastorale III - Lecco
Indietro
@ltre di... Chiesa & Diocesi